Use the form below to register your account.

Security question:

5 + 12 =

Register Account

  • News
  • Home staging fai da te? No Home Stager!? Ahi, ahi, ahi!

Home staging fai da te? No Home Stager!? Ahi, ahi, ahi!

26 Novembre, 2019

Home staging fai da te? No Home Stager!? Ahi, ahi, ahi!

Home staging fai da te? No Home Stager!? Ahi, ahi, ahi!
Nel leggere questa frase, a qualcuno tornerà in mente lo spot pubblicitario degli anni ’80 di una nota agenzia di viaggi e la breve storia raccontata. Una citazione appropriata per alcune situazioni che i professionisti della valorizzazione immobiliare si trovano a fronteggiare.

Da anni si leggono articoli, blog e post che illustrano gli ormai noti suggerimenti per preparare una casa per la vendita o l’affitto. Suggerimenti dettati dal buon senso e che dovrebbero essere la base per mostrare una casa che si intende vendere oppure locare.

Home staging fai da te? No Home Stager!? Ahi, ahi, ahi!

Il ripetersi di questo genere di scritti ha fatto pensare ai più che preparare una casa per il mercato fosse una cosa banale e quindi riproducibile con il “fai da te”.
Ai professionisti capita di sentire sminuire il proprio lavoro con frasi del tipo “bastano due cuscini”, “… qualche candela qua e là” e via dicendo.

Ultimamente poi si assiste ad un ulteriore fenomeno. A parlare di home staging, a spiegare che cos’è e a dispensare consigli sono persone che nella realtà non sono Home Stager e nella loro attività professionale non hanno mai fatto un intervento o non hanno mai provato ad avvalersi di questo strumento di marketing.
Quello che mostra la foto di una bella casa, preparata con cura, è solo l’aspetto finale del lavoro.
Dietro ogni intervento c’è molto di più di quello che si possa pensare. C’è la competenza, l’organizzazione e la reputazione di un professionista. Fattori costruiti nel tempo attraverso la formazione, l’aggiornamento costante, l’impegno, la costruzione di una rete di collaboratori e l’investimento nella propria attività.
Molti pensano che per rendere una proprietà appetibile per il mercato sia sufficiente pulire e riordinare o mettere qualche arredo per riempire gli spazi.
Ed ecco che, con questi presupposti, il “fai da te” diventa la soluzione e chiedere la consulenza o l’intervento di un professionista risulta superfluo.
Quale Home Stager non può annoverare uno di questi esempi tra le sue esperienze?

Così a fronte di un intervento realizzato con il “fai da te” o da chi pensa di potersi sostituire ad un professionista succede che i risultati tardino ad arrivare o non arrivino affatto.
E qui purtroppo la logica deduzione è: l’home staging non funziona.
Ma in sotto fondo si potrebbe sentire “Home staging fai da te? No Home Stager!? Ahi, ahi, ahi!”

E tu cosa ne pensi? Lasciaci il tuo commento!

Credit foto: Alpitour World

CHI E’ L’AUTORE
Lucia Garofolini, Architetto e Home Stager
Dopo la laurea matura le sue competenze professionali in di Studi di Ingegneria ed Architettura spaziando in vari settori; residenziale, industriale e commerciale.
All’interno di Arching – Architettura d’interni & home staging, fornisce risposte progettuali alle differenti esigenze dei committenti che siano quelle di una ristrutturazione, di un relooking degli spazi o di una consulenza per l’acquisto di nuovi arredi.
Attraverso i vari servizi di home staging fornisce un supporto professionale rivolto a chi vuole vendere o affittare una proprietà.
Contatti

Related Articles