Use the form below to register your account.

Security question:

12 + 15 =

Register Account

  • News
  • Home Staging ITALIA on air in tempo di Covid, intervista a Massimiliano Marceca di 2000 Arredamenti

Home Staging ITALIA on air in tempo di Covid, intervista a Massimiliano Marceca di 2000 Arredamenti

26 Maggio, 2020

Home Staging ITALIA on air in tempo di Covid, intervista a Massimiliano Marceca di 2000 Arredamenti

Home Staging ITALIA on air in tempo di Covid è una serie di interviste con vari protagonisti del mondo dell’immobiliare.
Gli ospiti dei nostri appuntamenti sono professionisti con i quali collaboriamo, ci confrontiamo e abbiamo sviluppato progetti in differenti campi.

L’ospite del nostro appuntamento di oggi è Massimiliano Marceca della società 2000 Arredamenti.

home-staging-italia-2000-arredamenti home-staging-italia-2000-arredamenti

Benvenuto Massimiliano, vuoi raccontare al nostro pubblico chi sei e cosa fai?
Sono un imprenditore che ha deciso nel 1998 di iniziare una propria attività nella rivendita dell’arredo, dopo un’esperienza maturata all’interno del settore.

Il Covid 19 ci ha colto davvero di sorpresa e ha letteralmente stravolto le nostre vite private e professionali.
Il lavoro da casa, obbligato dalle misure cautelative dell’isolamento ci ha portato a non avere una chiara visione di ciò che ci aspetta una volta riprese le attività, ma, diciamo che un certo sentore ce lo abbiamo un po’ tutti, ognuno nel proprio settore di riferimento.
Che tipo di scenario immaginate di dover affrontare nel tornare ad essere operativi?
Affronteremo uno scenario molto particolare. Dovremo accogliere clienti che hanno estrema urgenza di entrare a vivere nelle loro abitazioni.
In un periodo dove le limitazioni hanno impedito di fare delle scelte con tempi adeguati e con supporti adeguati. Mi spiego meglio: il nostro staff è sempre più convinto che l’acquisto dei mobili sia un acquisto sensoriale, dove i nostri clienti necessitano di vedere e toccare con mano. Per questo sono molto convinto che, in questo periodo di lockdown, i nostri clienti hanno dovuto rimandare delle scelte molto importanti che in questo momento devono concretizzare il più in fretta possibile.

Cosa avete fatto per cercare di non lasciarvi cogliere impreparati?
Siamo rimasti sempre operativi in modalità smart-working, mantenendo il contatto con i clienti. Inoltre, abbiamo valorizzato il nostro servizio già esistente di “Arreda online”, ovvero la possibilità di inviarci planimetrie e documentazione da parte di un cliente con cui, prima attraverso un confronto telefonico e poi in videochiamata, presentiamo il progetto per gli ambienti da arredare.

Avete adottato delle modalità operative che non avevate mai utilizzato in precedenza?
Sì, abbiamo dato la possibilità di svolgere delle videochiamate attraverso il nostro servizio “Arreda online”. In tempi precedenti al COVID-19, la presentazione del progetto avveniva, invece, con un confronto diretto presso il nostro showroom.

Quali tra queste potrebbero essere adottate come definitive in futuro?
Di sicuro, il confronto attraverso la videochiamata sarà una modalità che potrà essere mantenuta, nel caso i nostri clienti decidessero di usufruire di questa opportunità.

I nuovi protocolli professionali, in questo tempo di possibile contagio, in attesa di un vaccino, prevedono modalità operative protettive e preventive come ad esempio l’uso di mascherine e guanti.
Come pensate di prepararvi all’ accoglienza dei clienti nel vostro showroom, ai sopralluoghi e alle consegne nelle case dei clienti?
Rispettando tutte le modalità sanitarie, dalla sanificazione quotidiana degli ambienti lavorativi all’adozione delle precauzioni di legge (guanti, mascherine e gel per le mani), per mettere in sicurezza i nostri operatori e i nostri clienti.

L’isolamento forzato ha portato a riconsiderare caratteristiche e qualità dell’abitare. Spazi piccoli o con distribuzioni funzionali non adeguate alle esigenze che si sono obbligatoriamente create a causa dello smart working, della scuola on line, di improvvisate passioni culinarie o solo per la sola assenza di giardini o balconi quali valvole di sfogo per combattere giornate interamente passate all’interno delle mura domestiche senza la socializzazione cui eravamo abituati.
Ci saranno delle ripercussioni sul mercato che verrà? Come credete di rispondere a queste necessità?
Sicuramente questo periodo ha comportato un nuovo modo di vivere gli spazi.
Le richieste che ci stanno arrivando dai clienti in questo periodo, infatti, sono quelle di una migliore organizzazione degli spazi e sempre più di unire all’aspetto estetico anche la funzionalità.

Grazie Massimiliano per il tempo che ci hai dedicato.

Per contattare 2000 Arredamenti
Via Cesare Battisti, 21/A, 20811 Cesano Maderno MB
Tel. 0362 642435

mail: info@2000arredamenti.com

L’appuntamento è per la prossima intervista, a presto.

Related Articles